Condividi con i tuoi amici

Vi piacerebbe imparare a modellare i palloncini?

Scegliere i palloncini giusti, gonfiarli quanto basta, eseguire le torsioni corrette, modellare i palloncini a regola d’arte. Qui potrete imparare come si fa a farne scoppiare pochissimi e far felici i bambini a un compleanno!

Prima di cominciare

  • Controllate che le unghie siano lisce e non troppo lunghe
  • Togliete anelli, braccialetti, orologi e controllate di non avere oggetti appuntiti attorno a voi.
  • Procuratevi una forbice con le punte tonde e una pompetta di qualità.

Scegliere i palloncini e la pompetta giusta

Per fare le sculture, evitate supermercati e negozi dei cinesi! Comprate palloncini di qualità. Costano un po’ di più ma ne vale la pena, specialmente se state imparando. Stessa cosa vale per la pompetta. Lasciate perdere le confezioni palloncini+pompetta, di solito sono scarse. Compratene una decente, costa un po’ di più ma evitate che a metà festa dobbiate gonfiare tutto con i vostri polmoni. E gonfiare i palloncini lunghi con la bocca… beh… buon divertimento!

Oltretutto gonfiare i palloncini con la bocca, specialmente se ne gonfiate tanti non è molto salutare: all’interno e all’esterno spesso utilizzano del talco, per fare in modo che le pareti non si incollino tra loro, respirarlo non è il massimo.

Ricordate che i palloncini sono sensibili a caldo, freddo e luce: se non li usate spesso non compratene grosse quantità perchè col tempo si rovinano. Quelli che avanzate conservateli in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce.

Le pompette e i palloncini migliori a mio avviso sono a marchio Qualatex. Li potete trovare nei negozi specializzati o online. A Vicenza io li compro da Mondo Troll. Sono morbidi al punto giusto e si riescono a manipolare facilmente.

Per le sculture di base servono i palloncini chiamati 260 (misura in pollici), i pacchetti di solito ne contengono 100, multicolori o colori singoli. E’ normale trovare all’interno della confezione dei palloncini difettosi, di media se ne buttano via una decina, quindi se vi capita non correte in negozio a protestare.

Quanto gonfiare i palloncini?

Avete provato a modellare una spada o un cagnolino e il palloncino è scoppiato o vi sono avanzate quattro dita di palloncino sgonfio? Avete semplicemente preso male le misure. Per modellare i palloncini, questi vanno gonfiati di più o di meno a seconda della figura che dovete modellare, le spade e fiori sono tra le sculture per cui il palloncino va gonfiato completamente, ma che però deve mantenere una certa morbidezza.

In questi casi si gonfia completamente e lo si fa sgonfiare un pochino fino a raggiungere la consistenza che serve. Per altri tipi di sculture invece si lasciano alcune dita di palloncino sgonfio. Entreremo più nel dettaglio parlando di ogni singola scultura. Prima di gonfiarli tirateli più volte in modo da renderli elastici e più facili da gonfiare

Come chiudere i palloncini

Questa è la prima sfida che dovete affrontare e ci vuole una certa manualità. Il nodo deve essere bello stretto, ma se tirate troppo rischiate di rompere il palloncino e se invece non stringete abbastanza la scultura si sgonfierà in fretta.

Avvolgete l’estremità del palloncino da chiudere intorno a due dita formando un’asola, poi spingete l’estremità all’interno dell’asola e tirate. Facile no?

Le torsioni di base

Per modellare i palloncini ci sono delle torsioni di base da imparare. Alcune sono molto semplici e banali, altre sono un po’ più complesse e bisogna allenarsi un pochino. La vera difficoltà sta nel combinarle nel modo corretto.

Torsione semplice

Si tratta di ruotare un piccola porzione di palloncino su se stessa (almeno 4 volte), tecnicamente chiamata bolla. La dimensione dipende da cosa dovete realizzare, Se dovete farne più di una in sequenza ricordate di tenere ferme le bolle già realizzate altrimenti si srotolano.

Torsione ad anello

Si tratta di formare un anello con una porzione di palloncino. Determinate la lunghezza della bolla, fate una torsione semplice e unite le due estremità della bolla con un’altra torsione semplice.

Torsione a orecchio

Le torsioni ad orecchio si fanno su bolle piccole, solitamente si crea una pallina più o meno grossa di palloncino (solitamente della dimensione di 2 o 3 dita) con una torsione semplice, dopodichè si effettua una torsione ad anello.

Torsione a mela

Questa è un po’ più complicata e bisogna prenderci la mano. Con un dito si spinge il nodo del palloncino verso l’interno, si stringe il palloncino con l’altra mano cercando di tenere fermo il nodo all’interno del palloncino e si effettua una torsione semplice che andrà a bloccare il nodo, dando alla bolla la forma di un piccola mela.

Coming soon

Al più presto inserirò delle immagini e dei piccoli video dove capirete meglio come fare e dove vi insegenrò alcune sculture facili e veloci.


Condividi con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.